Tu sei qui

WP 1.2 Risorse idriche sotterranee in ambiente montano e pedemontano

Le acque sotterranee rappresentano la principale risorsa in termini di approvvigionamento idrico a scala globale. A scala nazionale, così come per la maggior parte dei paesi europei, le risorse idriche sotterranee rivestono e rivestiranno una sempre maggiore importanza. Tuttavia, mentre le risorse idriche superficiali sono state studiate con maggiore dettaglio, le risorse sotterranee sono ancora scarsamente quantificate.

• Task 1. Per colmare tale lacuna, il Task 1 di questo WP si occupa del monitoraggio e stima del contenuto d'acqua e delle caratteristiche chimico-fisiche degli acquiferi in specifiche aree montane e pedemontane italiane (Alpi Apuane-Appennino, Monte Amiata, area piemontese), in collaborazione con aziende di gestione e distribuzione dell'acqua potabile. Sanno definiti i modelli concettuali degli acquiferi sulla base di una comparazione degli aspetti fisici e chimici, affrontando anche specifiche problematiche sulla qualità delle acque. Particolare attenzione sarà dedicata alla valutazione dei valori di fondo naturale degli elementi tossici indesiderati. Inoltre saranno sviluppati modelli numerici (empirici e fisicamente basati) la cui calibrazione si baserà sui dati sperimentali di monitoraggio. L’approccio seguito nello svolgimento di questo lavoro potrà rappresentare un riferimento per lo studio di acquiferi montani.

Task 2. Questo Task è dedicato all'analisi dell'idrologia superficiale, di contenuto idrico del suolo e di risposta geoidrologica alle variazioni delle precipitazioni in aree campione delle Alpi e degli Appennini.