Tu sei qui

Monitoraggio delle condizioni attuali e dei cambiamenti in corso delle condizioni meteo-climatiche, di composizione dell'atmosfera, delle risorse idriche, degli ecosistemi e della biodiversità nelle aree montane italiane

Le attività di monitoraggio sono dedicate alla caratterizzazione dello stato presente del sistema climatico e dell'ambiente in regioni montane e includono:

Dati meteo-climatici
(a) quantificazione della variabilità della composizione dell’atmosfera (composti inquinanti e clima-alteranti), in regioni montane italiane. L’attività è condotta presso l’Osservatorio climatico di Monte Cimone, unica “Stazione Globale” GAW-WMO in Italia e presso la rete di stazioni di fondo sul territorio nazionale.
(b) implementazione della Rete integrata climatica di alta quota nelle regioni montane italiane, partendo dalle stazioni GAW nazionali;
(c) stima del fenomeno di Elevation Dependent Warming nelle regioni montane italiane;
(d) ricostruzione della climatologia della temperatura e della precipitazione a risoluzione spaziale di 1 km per le regioni italiane con altitudine maggiore di 1500 metri;

Risorse idriche
(e) misure e sistematizzazione delle informazioni sullo stato dei ghiacciai alpini (estensione reale con accuratezza del 2% e stima dei volumi), mediante misure in situ su ghiacciai campione e osservazioni telerilevate inclusi i satellitari, al fine di ottenere un censimento aggiornato dei ghiacciai e un database quantitativo delle risorse glaciali italiane e della loro evoluzione negli ultimi decenni;
(f) stima delle condizioni attuali di copertura nevosa invernale (spessore ed estensione) nelle aree montane italiane, mediante analisi di dati in situ, di osservazioni satellitari e di risultati di modellistica climatica, con risoluzione spaziale di almeno 10 km;
(g) misure del ciclo idrologico e dello stato delle risorse idriche superficiali e sotterranee in aree montane campione, mediante raccolta di dati esistenti e di dati ottenuti durante il progetto, includendo informazioni geologiche e sull'estensione degli acquiferi;

Ecosistemi e biodiversità
(h) recupero e messa a disposizione di dati sugli ecosistemi montani provenienti dai siti italiani che contribuiscono a ILTER (International Long-Term Ecological Research network) e a LTER-Europe.
(i) misure e osservazioni quantitative della biodiversità in regioni d'alta quota, mediante raccolta di dati di biodiversità animale, di distribuzione di specie animali, di dinamica di popolazione di specie significative (keystone, flagship species);
(l) stima quantitativa dei flussi biogeochimici (acqua, carbonio) fra suolo, vegetazione e atmosfera in un insieme di siti campione, per determinare la dinamica e il ruolo source/sink per il carbonio in alcuni tipi principali di ecosistemi alpini.
(m) analisi della dinamica delle praterie alpine in condizioni di cambiamento climatico e di cambiamento nell'uso del territorio, in particolare, dei cambiamenti nella gestione del pascolo di ovini e bovini e nelle interazioni con gli ungulati selvatici, mediante misure in situ e osservazioni satellitari;

Quest'area di attività porterà alla costruzione di un sistema di archivi tematici distribuiti, da cui potranno essere scaricati i dati e i risultati prodotti dal progetto (carte tematiche, elaborazioni, indici climatici, idrologici ed ecosistemici, prodotti delle simulazioni numeriche). Particolare attenzione sarà data alla validazione, controllo di qualità e armonizzazione dei dati, spesso provenienti da sorgenti diverse.

I dati saranno analizzati e interpretati al fine di ottenere un quadro il più completo possibile sullo stato e sui cambiamenti in corso nelle aree montane italiane.